La breccia

 

µTEX

Portale

Giochi Matematici Bocconi

punti, spunti e appunti

Marco Broglia <Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.>

v1.0

22 settembre 2016

Indice

1 Premessa 2

2 Introduzione 2

3 Il passato 3

4 Il presente 3

5 Il futuro 4

5.1 La ferraglia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
5.2 Il trasloco . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
5.3 Archiviamo l’archivio? . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5

5.4

C’è nessuno? . . .

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

6

5.5

La risposta è 42 . .

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

7

5.6

Toh, guarda chi c’è

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

7

5.7

L’(App)etito vien mangiando

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

7

5.8

Least but not last . . . . . .

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

8

6 I dané fan danà 9

7 Conclusioni 10

1

MuTeX di Broglia Marco, via per Vimodrone 9, 20093 Cologno Monzese (MI)

tel: +39 02 36534194, cell: 335 6680903, email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., pec: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. codice fiscale: BRG MRC 64D19 F205 V, partita iva: 04111280964, REA CCIAA di Milano: MI - 2035961

µTEX

1 Premessa

Perchè?
La domanda è d’obbligo. La motivazione spesso è fondamentale, talvolta imprescindibile, per molte delle nostre attività professionali. Anche questa volta è certamente presente, ma si palesa per fortuna in modi anche differenti da quelli canonici, fino al punto da poter osare una risposta che spesso è propria di cuccioli umani non ancora maturi: “perchè mi piace!”.
Ed è la passione che mi ha spinto decenni fa ad intraprendere la carriera del “giocatore matematico”, diventato poi quasi “professionista” (perdonate la presunzione). Ed è la stessa passione che mi porta ora a rubare ore alla notte dormiente per scrivere queste righe, e voi a leggerle, con l’intento di trasmetterne un pizzico o almeno di manifestarla di nuovo. E sono certo di non essere il solo a pensarla così.
Ed è la stessa vocazione che spesso spinge tutti noi a dedicare così tanto tempo ad attività certo poco redditizie dal punto di vista del vil denaro, ma molto da quello della soddisfazione nel poter aiutare, condividere, proporre, realizzare idee nuove per proseguire questa opera di proselitismo matematico giocoso.
Scusandomi già in anticipo per l’esordio poco consono alla presentazione di un progetto, mi sono permesso l’irrituale apertura per diversi motivi. Il primo è che, almeno in queste prime battute in cui questo documento lo leggiamo solo noi, la figura del bambino che vuole divertirsi anche mentre scrive “cose serie” la faccio con pochi. Il secondo motivo è che questa parte la posso cancellare rapidamente in seconda stesura. Il terzo è che questa parte la posso anche non cancellare in seconda stesura. Il quarto e ultimo: si parla di giochi, dunque ci si può anche iniziare a divertire da subito.
E chiudo la premessa con due dubbi. Il primo è se inserire o no quella che spesso cito come la mia massima del gioco, che riesco sempre ad infilare anche nelle varie presentazioni parigine degli anni scorsi:

Gli esseri umani imparano giocando, da bambini;

da grandi poi alcuni smettono di giocare . . . e da quel momento non imparano più nul la.

Un po’ estrema forse, ma via, si gioca.
Il secondo dubbio è se cancellare o meno da questa premessa la solita frase rassicurante, ma spesso da me poi derogata: “sarò breve”.
Ci penso su.

2 Introduzione

La presenza di premessa e introduzione possono scoraggiare i più, ma il “sarò breve” qui è reale. Questo non è un documento di progetto e nemmeno una bozza, non è una pianificazione di attività
e non è nulla di preciso ed analitico. Lo scopo qui è solo quello di iniziare a riflettere, di presentare
quello che sarebbe bello fare, di capire quello che sarebbe utile fare, al fine di ipotizzare alcuni possibili scenari di lavoro, ehm, scusate, di gioco.
L’intento iniziale potrebbe essere quello di riuscire almeno a stilare una prima classifica di priorità dei servizi e delle relative attività necessarie a realizzarli. Poi sarebbe ancor più interessante poter magari far partire una bozza di progetto per alcune di esse.
2

MuTeX di Broglia Marco, via per Vimodrone 9, 20093 Cologno Monzese (MI)

tel: +39 02 36534194, cell: 335 6680903, email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., pec: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. codice fiscale: BRG MRC 64D19 F205 V, partita iva: 04111280964, REA CCIAA di Milano: MI - 2035961

µTEX

3 Il passato

Parliamo di giochi matematici:

l’Università Bocconi organizza gare di giochi matematici da 23 anni

l’Università Bocconi ha una struttura significativa per sostenere questo notevolo sforzo

quest’anno circa 50 mila ragazzi hanno partecipato alle Semifinali dei Campionati Internazio- nali, in un centinaio di sedi sparse per l’Italia (e qui il ricordo va a Caterina, di Amatrice, che quest’anno ha partecipato a Rieti, ahimè, per l’ultima volta)

ogni anno si svolgono diversi tipi di gare di livello nazionale, ognuna delle quali necessita di un notevole sforzo organizzativo: Campionati Internazionali, Giochi di Autunno, Giochi di Rosi, Gara a Squadre, . . . , e dunque i ragazzi coinvolti sono ben più di 50 mila

se ci sono così tanti ragazzi e così (impor)tanti eventi, anche i non-ragazzi coinvolti nell’orga- nizzazione non sono certo pochi

Ho solo citato pochi dati, tralasciando le altre numerosissime attività (editoriali, sociali, . . . ) seguite dal Centro Pristem e dal mondo che vi gravita intorno, con tutti i suoi aitanti a(b)itanti (Giorgio spero apprezzerà l’aggiunta di consonante).
La macchina organizzativa è dunque imponente, ma altrettanto ciclopico è l’interesse suscitato per tutti gli abitanti del pianeta dei giochi matematici, e probabilmente non solo quello legato a Bocconi, perchè è evidente che anche altri pianeti simili (Kangorou, Olimpiadi) hanno buoni telescopi per vedere che succede e buoni viaggiatori interplanetari per monitorare ed interagire più da vicino.

4 Il presente

Inutile citare i mille paradigmi di moda oggi nell’era digitale: questo documento non vuole superare le cento pagine. Ma una cosa è comunque certa: nell’era digitale ci (con)viviamo ormai da qualche tempo, e direi che più di 49 900 ragazzi, dei 50 mila citati prima, ci sono nati. Per la maggior parte di loro un pc, un tablet, un cellulare semplicemente esistono, non sono stati acquistati negli ultimi anni come può essere per noi non-ragazzi.
I servizi tecnologici, per stare al passo con i tempi, vanno talvolta ripensati, spesso pensati da zero, talora sperimentati, frequentemente copiati da chi li ha già sperimentati. I nativi digitali ora utilizzano molto rapidamente e smettono di utilizzare molto rapidamente qualunque strumento tecnologico sia bello, accattivante, di moda, e che permetta loro di interagire rapidamente con tutto e con tutti.
Tutto ciò per dire: siamo arrivati al punto in cui molto probabilmente occorre fare di più, dare di più, ma con “minor fatica”, e dunque chiediamo aiuto all’anagramma, all’“informatica”.
Ecco dunque un primo elenco, certamente incompleto, di aspetti su cui possiamo riflettere:

il sito “dedicato” ai giochi matematici Bocconi non è . . . “dedicato”: gli argomenti trattati sono certamente interessanti, ma non “per ragazzi”, o almeno non per la nostra banda dei 50 mila

la sezione dedicata ai giochi, pur essendo frutto di un importante lavoro portato avanti negli anni da figure diverse . . . è portato avanti negli anni da figure diverse, ed è dunque non omogeneo, nè relativamente alla struttura interna del sito, nè in relazione alla fruizione dell’utenza

la sezione relativa all’archivio è decisamente migliorabile: se da un lato è possibile recuperare i singoli file con i testi e le risposte (passo decisamente in avanti rispetto a qualche anno fa in cui occorreva richiedere il file zip via email, grazie Jacopo), dall’altro il materiale è disomogeneo sia dal punto di vista del formato (Word, Pdf, scanner) che, addirittura, della lingua (italiano e francese)

3

MuTeX di Broglia Marco, via per Vimodrone 9, 20093 Cologno Monzese (MI)

tel: +39 02 36534194, cell: 335 6680903, email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., pec: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. codice fiscale: BRG MRC 64D19 F205 V, partita iva: 04111280964, REA CCIAA di Milano: MI - 2035961

µTEX

non c’è purtroppo traccia, o se c’è è troppo debole, delle soluzioni dei problemi, spesso richieste; ci sono spesso le sole risposte numeriche, ma non ritengo sufficiente la stessa giustificazione di un certo Pierre de TalDeiTali sul margine troppo stretto: moltissimi le chiedono e, non trovandole, via con le mail personali

non c’è possibilità di interazione: la consultazione del sito è unidirezionale, e dunque passiva

i ragazzi non hanno punti di riferimento (email, mailing list) informativo e didattico: chiedono a me, a Giorgio, a Nando, a voi che state ora leggendo il documento, spesso contemporaneamente a più d’uno, e spesso contemporaneamente più d’uno è in altre faccende affaccendato

il sito è piuttosto debole dal punto di vista multimediale: ci sono alcune foto, ma spesso solo a ridosso degli eventi; non ci sono contributi video, e non parlo solo di filmati relativi agli eventi, ma anche di video divulgativi; pochi link, che renderebbero il sito più navigabile

È certamente più lungo e prezioso l’elenco degli aspetti positivi (non saremmo qui a parlarne se fosse altrimenti), ma credo che uno degli obiettivi principali di questo progetto, e di questo documento, sia quello di evidenziare dove poter migliorare (non saremmo qui a parlarne se fosse altrimenti).

5 Il futuro

L’elenco precedente può fare da canovaccio non solo per un indice di desiderata, ma anche per una prima bozza, pensata ed ordinata, di Todo list. Proviamo a compilarla, o almeno ad iniziare.

5.1 La ferraglia

È una delle possibili traduzioni di “hardware”. Già, dovremmo anzitutto trovare una casa all’eventuale nostra nuova creatura, magari anche vecchia. Possiamo comprarla, ma eventualmente anche affittarla. Io posso farvi da agente immobiliare.
Alias: dovremmo pensare alla possibilità di dedicare un server (casa) per il nostro portale. A propo- sito, il termine “portale” l’abbiamo utilizzato finora solo nel titolo. Buffo forse, ma vuol dire tutto e niente, come molti dei termini informatici coniati in questo secolo e spesso abusati, dunque possiamo usarlo, oppure no, al posto del più banale “sito con servizi di differente tipologia e contenuti”.
L’hardware ovviamente costa, ma ora non troppo. Si può pensare di acquistarlo, ma si può anche aspettare. Parliamone, non c’è fretta e non pregiudica la fase iniziale del progetto.
Poi la casa occorre arredarla, renderla funzionale, non solo abitabile, ma anche comoda, di quelle in cui ci si può lavorare, ma anche leggere in santa pace seduti sulla propria poltrona, oppure in cui si può stare con gli amici a chiacchierare o a guardare delle foto. Io posso farvi da architetto di interni.
Alias: occorre installare un sistema operativo (arredamento), configurare la rete (gli allacciamenti), uno spazio web, installare applicativi per lavorare (authoring, contenuti del sito) o leggere in santa pace (contenuti, materiale, archivio, newsletter).
Anche qui il costo è basso: si tratta di qualche giornata di lavoro.
E anche qui c’è il piano B: possiamo aspettare ad arredarla e . . . andare a vivere da un amico. Alias: possiamo pensare di mantenere inizialmente il sito attuale e lavorare al suo interno. Personalmente non la ritengo una gran soluzione: l’arredamento vorremmo sceglierlo noi, non un nostro amico.

5.2 Il trasloco

Se siete d’accordo rimanderei la discussione a questo riguardo (il trasloco è sempre un lavoro pesante), ma volendo abbozzare una risposta, possiamo farlo convertendola in una domanda più semplice: quale materiale e quali contenuti del vecchio sito e della vecchia area riservata ai giochi vogliamo trasferire? Direi che possiamo rispondere con tutta calma, perché tanto . . . io posso farvi da traslocatore.
4

MuTeX di Broglia Marco, via per Vimodrone 9, 20093 Cologno Monzese (MI)

tel: +39 02 36534194, cell: 335 6680903, email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., pec: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. codice fiscale: BRG MRC 64D19 F205 V, partita iva: 04111280964, REA CCIAA di Milano: MI - 2035961

µTEX

5.3 Archiviamo l’archivio?

Ribadendo il ringraziamento a tutti coloro che ci hanno lavorato, ultimo Jacopo, ma solo in ordine di tempo, direi che è arrivato il momento di rivedere l’archivio che sta ormai iniziando a evidenziare qualche limite.
Un primo elenco di aspetti migliorabili potrebbe essere:

l’aspetto generale va rivisto: la “cruda” tabella Html non è più sufficiente nei casi in cui la dimensione o la complessità della struttura cresce in questo modo

la tabella è “flat” e non strutturata; da valutare la possibilità di creare una struttura a più livelli, che ne renda più semplice la consultazione

non è possibile alcun tipo di selezione: utile sarebbe poter selezionare solo alcuni documenti, ad esempio per data, per evento, per formato, per lingua, . . .

non è possibile alcun tipo di ricerca: e se volessi esercitarmi su qualche problema di geometria sui triangoli? ormai non è difficile configurare strumenti per la ricerca all’interno di documenti Word o Pdf

sono presenti solo alcuni tipi di documenti, mentre sarebbe auspicabile mettere a disposizione anche altro materiale (io ne ho parecchio), come ad esempio classifiche, versioni differenti (spesso la gara non è simultanea ovunque), contributi vari (Rama) o successivi (soluzioni particolari), materiale multimediale (foto, video), . . .

i documenti sono molto eterogenei: documenti Word di diverse edizioni e in diversi formati, pdf generati con strumenti differenti, documenti scannerizzati, file di puro testo e molti altri e, come già accennavo, materiale talvolta non tradotto; la parola chiave qui è “uniformare”

Ricordo bene quando, nei corridoi della Bocconi al termine di una gara, incontrai Angelo che mi diede l’investitura ufficiale di Archivista Capo dei Giochi Matematici. Era il 2011 e, per non fare brutta figura, iniziai subito il lavoro certosino.
Da allora è passato un lustro e ho raccolto moltissimo materiale ed è proprio da questa considerevole base di dati che vorrei attingere per gettare le fondamenta di un nuovo servizio web di Archivio dei Campionati Internazionali di Giochi Matematici.
L’archivio contiene tuttora più di mille documenti, suddivisi per anno e per evento, e ritengo sia ormai il più vasto tra quelli europei disponibili su Internet, avendo abbondantemente superato la quantità di materiale presente nell’archivio svizzero.
Le sorgenti utilizzate negli anni sono molte e disparate:

ovviamente, gli archivi presenti sui siti Bocconi

gli analoghi archivi esteri, soprattutto:

l’archivio svizzero, la fonte principale e meglio organizzata (http://homepage.hispeed. ch/FSJM/archives.htm)

l’archivio francese (http://www.vinc17.net/cijml/index.fr.html)

l’archivio belga (http://www.ffjm.be/)

l’archivio canadese (Quebec) (https://aqjm.fsg.ulaval.ca/accueil)

altri archivi minori, sia esteri che italiani (scuole, archivi personali)

la Internet Archive Wayback Machine (https://archive.org/web/)

il preziosissimo pc di Nando, requisito per una giornata

gli ancora più preziosi faldoni cartacei di Nando, requisiti per diverse settimane, eaminati pagina per pagina, per procedere poi alle scannerizzazioni del materiale non già presente

L’archivio non è affatto completo, soprattutto per gli anni che precedono la prima edizione dei giochi italiani, il 1994, ed ho tuttora un elenco di riferimenti Internet che contengono altro materiale che
5

MuTeX di Broglia Marco, via per Vimodrone 9, 20093 Cologno Monzese (MI)

tel: +39 02 36534194, cell: 335 6680903, email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., pec: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. codice fiscale: BRG MRC 64D19 F205 V, partita iva: 04111280964, REA CCIAA di Milano: MI - 2035961

µTEX


attualmente non possiedo. Sono comunque sempre alla ricerca di materiale inedito, ed ho alcune idee che vorrei provare a sperimentare, come ad esempio contattare i responsabili dei siti esteri per chiedere collaborazione, ma anche permettere l’upload di documenti da parte di chi ne possedesse di nuovi e volesse inviarmeli, obiettivo più semplice da realizzare in presenza del portale.

L’archivio attualmente è memorizzato sul mio pc, opportunamente replicato e backuppato quo- tidianamente. È possibile accedere ad una replica completa e allineata in tempo reale su Goo- gle Drive, utilizzando il link http://www.broglia.net/Puzzles/Giochi_Bocconi/ oppure https:

//goo.gl/hINXDQ.

La radice dell’archivio contiene due file, salvati in più formati, che rappresentano gli indici del ma- teriale presente. Il primo, index, riporta, tra l’altro, l’elenco del materiale presente suddiviso per anno e per evento, con l’indicazione della data di ogni gara, la presenza e il formato del testo e delle risposte e il numero di problemi. Il secondo, puzzles, è invece un indice di problemi e riporta, suddivisi per anno e per evento, il titolo originale e tradotto di tutti i problemi e le relative risposte. Questo secondo indice è ancora in fase di compilazione (beh, occorre la soluzione dei problemi e, in mancanza, occorre risolverli).

5.4 C’è nessuno?

Siamo nell’era della comunicazione. Il sito attuale lo fa, e bene, ed infatti comunica, e parecchio, ma parla senza ascoltare: le news hanno un buon ritmo, ottimi contenuti, e il sito in questo aspetto mi pare vivace, allegro, ma forse, come accennavo prima, questo è vero per i non-ragazzi. Per il nostro squadrone dei 50 mila temo che l’area risulti poco visitata e uno dei motivi principali potrebbe essere l’assenza di interazione, sia con lo staff (editoriale, tecnico, matematico) che tra di loro.
Qui ho almeno tre proposte: la prima è molto semplice, la seconda mediamente semplice, la terza un pelo meno, anche se non difficile.
La prima è una semplice (sia da configurare che da utilizzare) mailing list: un indirizzo di email a cui i ragazzi possono scrivere per chiedere, commentare, segnalare. Non sto parlando ovviamente di una mailing list organizzativa o logistica, come quella del Centro Pristem, ma di una lista di distribuzione legata principalmente ai giochi, alla matematica ricreativa, in cui poter convogliare tutte le domande, e sono molte, relative a quel problema o a quella risposta che non si capisce perché non si trova la spiegazione. I componenti di questa mailing list ovviamente sarebbero tutti coloro, e sono tanti, che hanno voglia di dare una mano ai ragazzi a risolvere i loro dubbi, e sono tanti. E ovviamente la mailing list potrebbe non essere una sola, ma diversificata per obiettivi.
La seconda proposta non è una proposta, ma una variante di quanto già esiste ed è tuttora operativo: una newsletter. Se la mailing list realizza la comunicazione unidirezionale in un verso, dal mondo degli utenti verso di noi, la newsletter inverte il flusso, inviando informazioni verso il mondo esterno e sfruttando la maggior efficacia dei paradigmi di tipo push (la newsletter raggiunge direttamente gli utenti) rispetto a quelli basati sull’accesso al sito (l’utente si deve connettere volontariamente).
La terza proposta riguarda quello che può essere considerato la naturale estensione di una mailing list e realizza un sistema di comunicazione bidirezionale: il forum. Inutile spendere tante parole sui forum: sono animali ormai conosciuti da tempo e che difficilmente non avrete mai utilizzato. Utile spendere tante parole sui forum: sono fatti apposta. Come esempio di forum, molto vicino per tipo di contenuti, potete sbirciare in quello delle Olimpiadi della Matematica, l’OliForum: http://www.oliforum.it/. Immaginiamo (immagina, puoi) di avere uno strumento simile: ecco finalmente uno spazio dove i nostri 50 mila possono (moderatamente) scatenarsi, domandarsi, rispondersi tra loro. E finalmente io e Giorgio (ed altri?) possiamo non rispondere rapidamente (altrimenti arriva il sollecito) a mail in cui ci chiedono “Cos’è la matematica?” o “Come si dimostra l’ultimo teorema di Fermat?” oppure rispondere finalmente con “Ho una dimostrazione bellissima ma lo spazio in questo forum è troppo stretto” e, citando Jannacci, vedere l’effetto che fa.
6

MuTeX di Broglia Marco, via per Vimodrone 9, 20093 Cologno Monzese (MI)

tel: +39 02 36534194, cell: 335 6680903, email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., pec: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. codice fiscale: BRG MRC 64D19 F205 V, partita iva: 04111280964, REA CCIAA di Milano: MI - 2035961

µTEX

5.5 La risposta è 42

Per chi ha letto il pazzo Douglas Adams e la saga della Guida Galattica per gli autostoppisti “42 è la Risposta a . . . Tutto Quanto”. Il computer Pensiero Profondo impiegò sette milioni e mezzo di anni a fornire tale risposta, ma il suo problema è che non conosceva la domanda. Noi invece conosciamo la domanda, forniamo la risposta, ma non diciamo il perché.
Cattivissimi. Già, perché come ritengo crudele rispondere dopo sette milioni e mezzo di anni, non so se lo sia di meno fornire come risposta “42” a chi non ha la più pallida idea di come affrontare un problema matematico (e non).
L’obiettivo a cui mi riferisco è evidente: dobbiamo trovare il modo di rispondere per bene ai nostri ragazzi, altrimenti dobbiamo accettare parimenti la risposta che ci dà un bambino a cui chiediamo “Perchè hai fatto questo?”: “Perchè di sì!”.

5.6 Toh, guarda chi c’è

Noi tutti siamo capitati prima o poi in uno di questi due siti:
http://www.tuttoenumero.it/
http://www.giorgiodendi.com/
e in quel caso sicuramente ci siamo rimasti a navigare per un bel po’ (e se non l’abbiamo fatto non lo diciamo certo a Nando e Giorgio).
Sono entrambi siti accattivanti, che contengono materiale per i nostri 50 mila. Lì si parla solo di giochi e dei ragazzi che giocano. Ci sono foto, video, informazioni e materiale sempre nuovo ed aggiornato con un’ottima frequenza. E spesso ci si ritrova nelle foto (“toh, guarda chi si vede”) o nei video girati dal nostro Giorgio.
Bene, lo stesso Giorgio per primo, ma sono certo anche gli altri autori, hanno manifestato la loro piena disponibilità per realizzare servizi simili anche per il nuovo portale Bocconi, e l’entusiasmo che hanno dimostrato assicurandomi questo loro impegno è a mio parere pari all’importanza di tale dichiarazione d’amore verso la divulgazione dei giochi matematici.
E se qualcuno ci fa la serenata, vorrete mica dargli il due di picche.

5.7 L’(App)etito vien mangiando

Ormai tutto è App, ormai si fa tutto con un’App, ormai non si vive senza o lontano da uno smartpho- ne, il più classico contenitore di App. (App)erò! Solo qualche anno fa pochi le conoscevano, le prime sono apparse nel 2008 (iPhone), ma nel 2012 l’utilizzo delle App ha superato quello della navigazione via web! Se consideriamo poi il fenomeno tra i giovanissimi, e i nostri 50 mila lo sono quasi tutti, allora le App è come se fossero sempre esistite, diventando ormai uno strumento imprescindibile nella vita di ogni giorno.
Se vogliamo avvicinarci ai nostri 49 900 nativi digitali, se vogliamo far sì che utilizzino i servizi di cui stiamo discutendo, se vogliamo essere visibili e se vogliamo esistere nel loro mondo, dobbiamo necessariamente passare da un’App, dobbiamo necessariamente far sì che ogni servizio fruibile via web lo sia anche via App. Anzi, vale tranquillamente il contrario: con questa tipologia di utenza così giovane è molto più importante realizzare un servizio fruibile da uno smartphone via App che non via web.
Ma a quali servizi possiamo inizialmente pensare?
Ce ne sono davvero tanti e il bello è che per moltissimi è possibile pensare alle due diverse varianti
(App e web) concentrandosi sulle funzionalità e delegando poi agli sviluppatori l’implementazione
7

MuTeX di Broglia Marco, via per Vimodrone 9, 20093 Cologno Monzese (MI)

tel: +39 02 36534194, cell: 335 6680903, email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., pec: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. codice fiscale: BRG MRC 64D19 F205 V, partita iva: 04111280964, REA CCIAA di Milano: MI - 2035961

µTEX


sul sito (web) oppure per le principali varianti di sistemi operativi per smartphone (concentrandosi inizialmente su iOS e Android).
Possiamo dunque iniziare ad elencarne qualcuno:

il sistema dovrebbe prevedere una registrazione con conseguente generazione o scelta di cre- denziali che permettano l’autenticazione dell’utente (questo permette tra l’altro di ottenere statistiche molto specifiche)

una volta autenticati si può iniziare a giocare o ci si può allenare per la prossima gara

si può giocare da soli, ma anche fare un duello con altri

si possono prevedere giochi a gruppi, magari tra il docente e gli studenti durante un corso; il docente potrebbe anche dare dei compiti a casa

si possono organizzare dei tornei di giochi matematici, magari con premi ai vincitori

si possono leggere le news del Pristem

ovviamente ci sarà l’integrazione con i principali social

Tutto ciò presuppone però una gestione diversa del materiale disponibile: l’unità minima non potrà più essere rappresentata dall’insieme dei problemi di una gara, ma dovrà necessariamente essere il singolo problema con tutte le sue caratteristiche (categoria, difficoltà, . . . ) assieme alla relativa risposta.
E qui casca l’asino? No, perché non è un asino. Le attività da svolgere in questo caso sono sicuramente diverse e più complesse e dunque vanno attentamente pianificate. Per ora permettetemi di mantenere un taglio non di (det)taglio e di proporre qui anche solo di ponderare il tutto attentamente. Ma pensiamoci, perché l’elenco di cui sopra può davvero essere solo una piccola parte di ciò che si potrà fare.
Ma giocare così quanto costa? Normalmente nulla se via web, poco (0.99 e?) se via App. No, non moltiplichiamo 0.99 e per l’ipotetico numero di utenti: potremmo sbagliarci di parecchio.

5.8 Least but not last

Credo che di spunti di riflessione ce ne siano abbastanza. In quest’ultimo periodo però si sono affacciate all’orizzonte nuove idee, nuove proposte, per non annoiarci mai. Ne parlo qui rapidamente, poi troveremo tempi e modi per discuterne.
È piuttosto recente il progetto che ho avuto la malaugurata idea di proporre di chiamare “i geniali angeli”: “angeli” perchè sono spesso giovanissimi, dei bambini, e “geniali” perchè . . . perché lo sono. Il tutto poi è anagramma doppio di “geniali” (che anagrammato dà “i” e “angeli”). Con la parteci- pazione di Anna Maria e sotto l’egida della Bocconi per merito di Angelo (toh), il progetto prevede una serie di seminari, con frequenza mensile, per circa 40/50 ragazzi, che si terranno, udite udite, a Milano. Sono anni che tengo corsi simili a Piacenza e così mi avvicino non poco. Ora stiamo formando la squadra, se ne parlerà di sicuro sul portale.
Un’altra idea recente è quella di dedicare un’area del portale alla comunicazione dei risultati delle Semifinali dei Campionati Internazionali da parte del centinaio di sedi sparse in tutta Italia. Se possiamo uniformare i formati di centinaia di file in archivio, non sarà impossibile uniformare il sistema di comunicazione dei risultati. E se pensiamo agli enormi vantaggi per molti, allora si potranno superare le difficoltà che sorgeranno nel predisporre un form di immissione (facile, e avete i dati di tutti i partecipanti) e nel farlo “digerire” a tutti (difficile, ma possibile in uno o due anni). Poi si viaggia in discesa e, tra le altre cose, potrete stilare le classifiche istantaneamente ed automaticamente.
8

MuTeX di Broglia Marco, via per Vimodrone 9, 20093 Cologno Monzese (MI)

tel: +39 02 36534194, cell: 335 6680903, email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., pec: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. codice fiscale: BRG MRC 64D19 F205 V, partita iva: 04111280964, REA CCIAA di Milano: MI - 2035961

µTEX

6 I dané fan danà

Non credo che il titolo sia comprensibile solo a Milano e luoghi limitrofi, ma in questo caso la citazione può aver senso, anche se originariamente presuppone il contrario (chi ha tanti soldi, i dané). In questo caso invece può significare semplicemente: chiediamo il conto e vediamo se son dolori.
Gli attori e le attività da portare avanti in questa avventura sono diversi ma non molti e quasi certamente il vincolo del budget non infinito limiterà gli interpreti iniziali, che può però aver senso iniziare ad identificare:

EffeDesign (http://www.effedesign.com/) per gli aspetti legati al portale

Initiativa (http://www.initiativa.it/) per lo sviluppo dell’App

Già fornitori Bocconi da molto tempo, entrambi sono stati da me contattati di recente ed entrambi hanno la loro disponibilità a partecipare al viaggio. Approfittiamone.
Assieme a questi attori principali ce ne sono altri, non proprio del tutto secondari. Sono più vicini al progetto e dunque sarà più semplice coinvolgerli perché non potranno, e non vorranno, tirarsi indietro. Parlo principalmente di colui che parla, del nostro precettore Nando e del nostro sempreverde Giorgio, personaggi che sono comparsi, ma non da comparse, e che compariranno in diversi momenti durante il viaggio. E non posso dimenticarne altri, quali Jacopo, il Centro Pristem, nonchè e ovviamente il boss: Angelo. Altri sono i molti amici che in questi anni sono riuscito a coinvolgere per dare una mano (Devan Maggi per la traduzioni dei testi di Parigi, Nicola Fiori per i seminari di Milano, . . . ) e a cui non mi farò remore a chiederne due.
Le attività in cui si mischiano oneri ed onori sono tante, e ne cito solo alcune:

dimensionamento del sistema, configurazione del server e dei servizi, installazione degli applica- tivi, aspetti sistemistici (sicurezza, gestione dei log, monitoraggio, valutazione delle prestazioni,

. . . ), trasferimento dei dati

contenuti del sito

newsletter

amministrazione del forum, moderazione

gestione delle aree con contenuti multimediali e realizzazione di contributi video

redazione di contenuti legati alle gare (soluzioni dei problemi)

archivio

gestione dei contenuti (testi, risposte, soluzioni, classifiche, altro)

classificazione del materiale (evento, argomento, difficoltà, parole chiave)

normalizzazione dei formati (pdf)

traduzione dei testi francesi

collaborazione e coordinamento con siti analoghi all’estero

(eventuale) gestione, classificazione e manutenzione dei singoli quesiti

App

sviluppo dell’App

gestione degli aggiornamenti

aggiornamento dei contenuti: inserimento periodico di nuovi quesiti

Per molte di queste attività vige l’onorevole legge di bilancio: passione in dare, soddisfazione in avere. Per altre, soprattutto se l’onere aumenta considerevolmente, possiamo magari pensare di coadiuvare l’onore con una quantificazione dell’impegno in termini economici?
9

MuTeX di Broglia Marco, via per Vimodrone 9, 20093 Cologno Monzese (MI)

tel: +39 02 36534194, cell: 335 6680903, email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., pec: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. codice fiscale: BRG MRC 64D19 F205 V, partita iva: 04111280964, REA CCIAA di Milano: MI - 2035961

µTEX

7 Conclusioni

Difficile parlare di conclusioni di un viaggio che non è nemmeno partito, anche perché non abbiamo nemmeno fatto il biglietto, anzi, ora non sappiamo nemmeno per dove farlo.
Chiuderei perciò con due semplici concetti.
Il primo è una semplice considerazione che fornisce senza dubbio un ottimo stimolo per partire: da nessuna parte è stato realizzato un portale simile, perchè non essere i primi?
Il secondo è tanto banale quanto importante: di lavoro di fare ce n’è davvero tanto. Se si volesse ipoteticamente percorrere il viaggio toccando tutte le stazioni descritte in questo documento ne avremmo per anni. Un risultato mi sento però di prevederlo già nelle prime fasi del viaggio: ad un eventuale impegno economico iniziale corrisponderebbero ritorni pressoché certi in termini di immagine, con conseguente incremento di visibilità e, perché no, di partecipazione (iscrizioni) agli eventi ed alle gare organizzate nel prossimo futuro.
10

MuTeX di Broglia Marco, via per Vimodrone 9, 20093 Cologno Monzese (MI)

tel: +39 02 36534194, cell: 335 6680903, email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., pec: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. codice fiscale: BRG MRC 64D19 F205 V, partita iva: 04111280964, REA CCIAA di Milano: MI - 2035961

Attachments:
Download this file (il_principio.pdf)il_principio.pdf[ ]291 kB

Non puoi postare commenti

Cerca nel sito