Gianluca Mancuso vince i campionati italiani di sudoku... e va sul Corriere

Gianluca Mancuso, noto agli avventori di questo sito perché ormai storico "giochista" e più volte finalista dei Campionati Internazionali di Giochi Matematici, ha vinto - per la quarta volta di fila - il titolo di campione italiano di sudoku al torneo nazionale che si è disputato una settimana fa a Sesto San Giovanni (Milano).

Per conoscere meglio Mancuso vi segnaliamo l'articolo che il Corriere della Sera gli ha dedicato:

Il professore dell'Itis campione italiano di Sudoku: «Sono aristotelico»

Le foto della Finale 2018

Pubblicate le foto della Finale Nazionale dei Campionati Internazionali di Giochi matematici che si è svolta lo scorso 12 maggio in Bocconi.

A questo indirizzo troverete le immagini delle gare e delle premiazioni:

giochimatematici.unibocconi.it

Buona visione!

Per i finalisti dei Campionati un ingresso speciale al Museo Nazionale Scienza e Tecnologia

La Finale nazionale dei Campionati internazionali di Giochi matematici si avvicina e per l'occasione è stata offerta una piacevole sorpresa per tutti coloro che si troveranno a Milano nei giorni della finale del 12 maggio.

Venerdì 11, sabato 12 e domenica 13 maggio 2018 sarà in vigore una promozione speciale per i partecipanti alla Finale dei Campionati presso il Museo Nazionale Scienza e Tecnologia "Leonardo da Vinci" di Milano: tutti coloro che si presenteranno in biglietteria con il form di seguito allegato compilato avranno diritto a un ingresso omaggio per ogni biglietto intero acquistato (€ 10).

Per godere della promozione è necessario presentare alla biglietteria del Museo una copia della registrazione fatta compilando il seguente form:

http://forms.unibocconi.it/index.php?rif_quest=733

Questa promozione non è cumulabile con altre riduzioni di prezzo applicate in biglietteria. Per accedere alla promozione è sufficiente un form per gruppo.

 

Su Focus Junior si parla di giochi matematici!

Sul numero 170 della rivista Focus Junior del mesi di marzo è apparso l'articolo dal titolo "La matematica? È bellissima!" nella quale viene intervistato il giovane campione e giochista Massimiliano Foschi.

Nell'intervista, fra curiosità matematiche e giochi, viene anche citato il Centro PRISTEM e i Campionati Internazionali di Giochi Matematici che quest'anno sono giunti alla 25° edizione italiana!

L'età del capitano

In Cina, più precisamente nella provincia del Sichuan, in una classe equivalente alla quinta elementare agli alunni è stato sottoposto un problema, ma non il classico "problemino" a cui siamo abituati tutti. Il quesito era il seguente:

"Una nave trasporta 26 pecore e dieci capre: quanti anni ha il capitano?"

Le reazioni sono state varie: chi ha consegnato il foglio in bianco, chi ha scritto "36 anni" sommando il numero delle pecore e delle capre (inutile chiedersi perché), chi ha risposto "18 anni" perché per forza di cose il capitano doveva almeno essere maggiorenne. Il problema è subito diventato famoso sui social diventando un vero e proprio caso mondiale. Tanto è stato il clamore provocato dal problema "irrisolvibile" che l'assessorato all'Istruzione di Shunqing ha dovuto emettere un documento il 26 gennaio in cui si legge:

"L'intento era di esaminare la capacità critica e l’abilità di pensare in modo indipendente (…) perché alcune ricerche hanno dimostrato che gli alunni cinesi difettano del senso di consapevolezza critica in merito alla matematica".

Questo problema non è altro che la riproposizione del celebre "L'âge du capitaine", espressione di uso comune in Francia utilizzata per dire che la domanda posta non ha alcun rapporto con i dati di cui si dispone. Tale espressione ha un autore illustre: Gustave Flaubert. Ecco come Stella Baruk racconta la storia nel suo "Dizionario di Matematica Elementare":

"Il 15 marzo 1843 Gustave Flaubert, che doveva diventare uno dei più illustri scrittori francesi, ma che allora aveva solo ventun anni, scriveva a sua sorella Caroline, che seguiva i suoi studi. La matematica aveva rappresentato per lui una terribile sofferenza intellettuale (come anche per Victor Hugo e per molti altri, divenuti più o meno celebri): faceva fatica a vedere che senso potessero avere tutti quei problemi di algebra più o meno artificiosi che gli erano stati imposti, riguardanti corrieri che dovevano raggiungere qualche luogo distante o che dovevano incontrarsi, lancette di orologi che si allontanavano o si sovrapponevano, eredità di cui gli eredi non potevano beneficiare prima di aver risolto le inestricabili ultime volontà di un padre portato dal suo rigoroso senso della giustizia a un uso assolutamente esagerato delle frazioni … È probabile che egli si sia vendicato di tutto ciò inventando questo enunciato, che prende di mira ciò che l'algebra sembra avere di più inutile, trovare l'età di qualcuno che non esiste: dal momento che tu studi della geometria e della trigonometria, ti voglio sottoporre un problema: una nave si trova in mare, è partita da Boston carica di indaco, ha un carico di duecento barili, fa vela verso Le Havre, l'albero maestro è rotto, c'è del muschio sul castello di prua, i passeggeri sono in numero di dodici, il vento soffia in direzione NNE, l'orologio segna le tre e un quarto del pomeriggio, si è nel mese di maggio. Si richiede l'età del capitano."

Ma quanti anni avrà mai il capitano?!?

Cerca nel sito